giovedì 24 giugno 2010

Arrivederci Bihac!

Domani torniamo a casa.
Che dire, siamo stati bene, alti e bassi, piccole paure da mamma esagerata ma nel complesso l'esperienza ha un buon voto.
Mi sono ricordata che non ho messo foto di Bihac, quindi prima di andare via pensavo di farlo!
La città è molto carina, piccola e verde, tutta sulle riva del fiume Una, cristallino e pieno di rapide.
Questa foto è scattata proprio nel centro della città dove c'è ancora un vecchio mulino.
Questo invece è il ponte di legno che permette di raggiungere una piccola isoletta al centro del fiume, dove si trova il luna park, quando è in città. Quando siamo arrivati era appena andato via!
Purtroppo in alcuni punti della città sono ancora molto evidenti i segni del "recente" conflitto.
La maggior parte degli abitanti ha intonacato di nuovo le pareti esterne delle loro case, ma alcune sono rimaste così.
E' davvero strano pensare che in un paese così vicino al nostro geograficamente e anche culturalmente (perché no?) ci sia stata una guerra.

mercoledì 23 giugno 2010

nuovi giochi

In questi giorni Anita non si accontenta più dei giochi che ci siamo portati da casa, anzi, sembra proprio che non le interessino proprio per niente...
Cerca continuamente qualcosa di nuovo, qualcosa che non ha mai visto per manipolarlo e poi metterlo inesorabilmente in bocca, ma quando smetterà??
Ieri è stata la volta dei miei UNICI occhiali da vista, che metto poco, soprattutto quando ho un po' di mal di testa.
E' stata davvero dura riuscire a toglierli dalle sue mani.
Un altro nuovo gioco è il classico "bubu sette", che adesso però riesce a fare da sola...con qualsiasi cosa, anche con un pannolino (pulito!), se lo mette dietro la testa, non davanti alla faccia, e poi velocemente lo porta davanti, facendosi delle grasse risate!

domenica 20 giugno 2010

La prima vera...

...cacca...
scusate se lo scrivo qui, ma volevo ricordarlo...
dopo quasi 3 mesi di autosvezzamento oggi Anita ha fatto una cacca "da grandi".
Non che abbia smesso di prendere il mio latte, anzi, solo che gli assaggi si stanno trasformando in pasti...forse...

Nonostante il tempo...

...oggi siamo andati al parco di plitvicka jezera, era l'ultima occasione visto che venerdì sera partiamo e se Niccolò avrà molto da lavorare non potremmo più muoverci da Bihac!
Siamo partiti presto e per fortuna abbiamo trovato una pioggerella leggera, appena siamo ripartiti per tornare a casa invece si è scatenato il diluvio, che dura tutt'ora.
Il parco è molto bello, una natura incontaminata, organizzato benissimo, suggestivo (ultimamente uso troppo questa parola??).
Io non avevo mai visto delle cascate, le uniche erano in Repubblica Dominicana, ma niente a confronto con queste.

L'acqua dei laghi è cristallina, bellissima, viene voglia di fare il bagno, anche se è vietato.
Ci sono tanti pesci, anche molto grossi, che vengono vicino alle passerelle a cercare qualche mollica di pane dai turisti.
Nella guida c'è scritto che ci sono anche lupi e orsi, ma noi (per fortuna) non li abbiamo incontrati.
Nonostante il tempo la gita ci è piaciuta tantissimo, abbiamo fatto un po' tutto di corsa per colpa della pioggia e per la paura di un peggioramento, ma ne è valsa la pena.
Come al solito i suggerimenti di JSP sono preziosissimi...grazie!!!
Una di queste sere andremo in una cevabdnice che abbiamo già adocchiato, per il cevapi con lo yogurt...
ah...per la cronaca, c'erano 12 gradi...accidenti!

sabato 19 giugno 2010

Ostrožac

Sabato, finalmente Niccolò non lavora, possiamo fare una gita nei dintorni di Bihac!
L'idea era di andare a Nacionalni park Plitvička jezera, un meraviglioso parco in Croazia patrimonio dell'umanità, ma oggi piove a dirotto!!!!
Quindi la mattina abbiamo approfittatto di poche ore senza acqua e abbiamo fatto una passeggiata per la città e la spesa.
Nel pomeriggio abbiamo come al solito aspettato Anita che si svegliasse dal suo sonnellino (2 ore!) pomeridiano e poi ci siamo messi in macchina per raggiungere un piccolo paesino, arroccato su una collina adiacente il fiume Una: Ostrožac.

La guida diceva che il castello del paese era molto bello, anche se molto tetro, alla Dracula!
Beh, il castello ha superato le mie aspettative, bellissimo e molto suggestivo, peccato che all'interno cadesse a pezzi...
Tutte le volte che vedo posti del genere (poche a dire la verità) mi viene in mente a come ristrutturarlo, a rilevarlo...che bella tesi che verrebbe fuori, anche utile!!
Avrei voluto vederlo tutto, ma c'erano delle parti troppo pericolanti, alcuni solai erano anche crollati, quindi non mi sono spinta più del primo piano.
Ora Anita dorme e io e Nicco ci mangiamo qualche palacinka con l'Eurocrem!!!!!

mercoledì 16 giugno 2010

Cambio di pannolino

Stamattina abbiamo sporcato tutto quello che potevamo sporcare...
Nell'attesa di un pannolino pulito mi mangio un fazzoletto...

Cevapi!!!

Ieri sera siamo andati a mangiare fuori, in un bel ristorante a 5 minuti da Bihac, sul fiume Una.
Stava per piiovere, ma l'acqua era comunque cristallina e freddissima.
Ci siamo seduti e abbiamo ordinato il cevapi!!!! Come ci era stato consigliato da una nostra cara amica (JSP)!!!
Era la prima volta che lo assaggiavo, Niccolò invece lo conosceva, essendo già stato in Bosnia!
L'ho trovato buonissimo...zozzo, ma buonissimo!! ;-)
Ad Anita non è piaciuto molto, l'ha solo assaggiato, quello che voleva di più era un sorso di birra.
Per poco non se l'è tirata tutta addosso!

ps. per "zozzo" intendo ben condito e poco dietetico!

domenica 13 giugno 2010

Martin Brod

Accompagnata dal muezzin della notte vi racconto la giornata di oggi...
Nel tardo pomeriggio siamo andati a fare una gita a Martin Brod, 50 km a sud di Bihac.
Abbiamo aspettato che Anita si svegliasse, come sempre quando c'è qualcosa di interessante da fare riesce a dormire tantissimo, oggi 2 ore e mezza.
Non avevo idea di cosa avrei visto.
Il posto è bellissimo, sospeso nel tempo...il fiume che corre in mezzo al paese, fra le case, negli orti.
Tutte le famiglie hanno deviato il fiume in piccoli torrenti per alimentare il loro mulino, quindi per entrare in casa alcune persone devono attraversare un ponte.
Ho provato tante sensazioni diverse, tutti i miei sensi si sono accesi: faceva molto caldo, ma non appena ci avvicinavamo all'acqua l'aria improvvisamente diventava fresca, piacevolissima.
L'aria poi profumava di natura, non nel senso stretto della parola, come si può sentire entrando in un parco, ma profumava di una natura "umana", creata dall'uomo, ma con tanto, tantissimo rispetto.
Camminando in mezzo al paese, su viottoli sterrati che poi si trasformano in giardini con prati all'inglese, abbiamo anche trovato alcune fragoline di bosco, delle primizie visto che la maggior parte erano ancora verdi, il loro sapore era incredibile, diverso, davvero "succulento".
Avrei davvero tante cose da dire, mi fermo qui.

Dopo aver passeggiato ci siamo fermati a cena in un ristorante dove abbiamo mangiato trote appena pescate, buonissime, anche Anita ha apprezzato tantissimo!

Che caldo a Bihac!!!

mercoledì 9 giugno 2010

Primo vero viaggio

Lunedì siamo partiti per Bihac, Bosnia Erzegovina, Niccolò deve lavorare qui per due/tre settimane, ne abbiamo approfittato e abbiamo fatto il nostro primo viaggio insieme.
E' stato difficile preparare i bagagli, ci siamo portati un sacco di cose, sicuramente ne useremo meno della metà, ma era la prima volta...
La prima tappa è stata Firenze, che ci ha fagocitato nelle mille cose da fare, ma martedì alle 13,00 siamo entrati in autostrada per il primo vero viaggio di Anita.
Lei si è addormentata subito, per svegliarsi a 50 km da Trieste dove poi abbiamo deciso di fermarci per la notte, il navigatore era impazzito e ci siamo fidati del nostro intuito per scegliere l'albergo.
Passando con la macchina ho visto un insieme di edifici antichi restaurati molto bene proprio dietro la Piazza dell'Unità.
L'hotel è molto carino, ci hanno fatto un buon prezzo e poi aveva il lettone largo 2,10 mt!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
Per chi come noi pratica il cosleeping è una manna! (Il sito è fatto molto bene e anche le foto, ma la nostra Antonella sarebbe fiera di noi!!)

Per toglierci la stanchezza del viaggio abbiamo fatto tutti una bella doccia, la più contenta era Anita che voleva direzionarsi il getto direttamente in bocca!
Poi passeggiatina per il centro di Trieste e a mangiare...pochissimo, perché era stanchissima, così siamo corsi a letto.
Finalmente il meritato riposo, con la conturbante luce rossa di una lampada in fondo alla stanza.
Stamattina siamo ripartiti, dopo tante bizze Anita si è addormentata, proprio non la sopporta più la macchina!
Questa foto è scattata subito dopo il confine con la Slovenia, primo paese visitato!!!
Poi siamo passati dalla bellissima Croazia e alle 16 eravamo a Bihac, Bosnia Erzegovina...Un giorno e 4 paesi!

domenica 6 giugno 2010

congiuntivite

Ho avuto la congiuntivite una sola volta nella vita, mi ricordo perfettamente la data, il 18 settembre del 1995 il giorno del test di ingresso alla facoltà di Architettura...
Ero un mostro, tutti mi chiedevano che cosa era successo, perché piangessi in continuazione...Avevo gli occhi gonfissimi.
Ieri è venuta la congiuntivite ad Anita, stavamo per partire, ma abbiamo rimandato.
Stamattina occhi gonfi e lacrimosi anche per me.

Poi per rincarare la dose il rondone che ieri ho raccolto dalla strada, che era caduto dal nido, è morto, nonostante la mia buona volontà... :-(
Quando faccio queste cose finisco per pensare che è meglio far fare alla natura il suo corso, ma se avessi sempre fatto così Mamuska (il gatto della mia mamma) non avrebbe 14 anni.

mercoledì 2 giugno 2010

Esogestazione

Ho trovato questa pagina, che secondo me spiega benissimo il significato di esogestazione e l'importanza del contatto corporeo tra madre e figlio.
E' bellissimo tenere vicino il proprio bambino...noi continueremo a farlo, nonostante Anita diventi sempre più autonoma!!!

26 Maggio

Oggi Anita compie 9 mesi, finisce l'esogestazione.
E' incredibile quanto sia perfetta la natura. Infatti si dice che l'esogestazione si considera terminata quando il bambino comincia a gattonare, quindi a muoversi autonomamente...
Beh, proprio in questi giorni Anita prova a fare i primi passi a gattoni in avanti, finora erano indietro!
E oggi, il 26 Maggio per la prima volta abbiamo dormito tutti e 3 nel letto di casa nuova, a Firenze!!!!
Manca ancora tutto, ma è stato emozionante!

PRIMI PASSI (a quattro zampe)

video
Ieri 1° Giugno 2010 Anita ha fatto i suoi primi passi a quattro zampe!
E le è spuntato l'incisivo superiore sinistro...
uff...che giornata stancante!!!